Crea sito

Resilienza: è ora!

Buongiorno e buon lunedì!

Sull’onda degli articoli delle ultime settimane, e delle riflessioni imposte dal periodo che stiamo vivendo, oggi propongo una riflessione sulla resilienza.

Unisciti al canale Telegram per rimanere aggiornato/a su tutte le pubblicazioni

Foto di Wokandapix da Pixabay

Moda degli ultimi anni

Anche nel mondo delle parole arrivano i tormentoni, e una tra le più dette, scritte e sentite è proprio la parola resilienza.

Ma che cos’è questa tanto acclamata resilienza?

Nel senso letterale della parola, è la resistenza di un materiale alla sollecitazione, fino al punto di rottura, o la capacità (di un tessuto o un materiale elastico, ad esempio) di ritornare alla forma originale, dopo essere stato sottoposto ad una trazione o tensione e, per finire, per l’essere umano, la capacità di reazione che si ha davanti a traumi, cambiamenti etc.

E quale periodo migliore di questo, per vedere se realmente siamo consapevoli del significato di una parola così tanto abusata?

Mai come oggi è tempo di mettere in atto la nostra resilienza, e chi più è resiliente, meno problemi avrà.

Per sua natura, l’essere umano è in grado di adattarsi (anche abbastanza velocemente) ai cambiamenti, ma il resiliente sarà molto più rapido o subirà meno il colpo di un cambiamento come quello imposto dagli ultimi mesi.

Non solo: la resilienza sarà necessaria per poter tirare avanti su un pianeta che ci chiede pietà da troppi anni.

Senza una nostra capacità di rivedere le vecchie abitudini e in assenza di una nostra elasticità nei comportamenti, la Terra non ha molte speranze.

Leggi anche Il respiro della Terra si chiama Covid-19

Ci sentiamo pronti?

resilienza
Foto di Marc Pascual da Pixabay

Siamo pronti a mettere in campo tutta la nostra elasticità? Non parlo di allungamento muscolare,
ma mentale.

Siamo pronti a cambiare le nostre vedute in vista di una nuova “normalità”?

Sarà necessario esserlo, se amiamo la Terra, e noi stessi.

Non è possibile continuare lungo la via che stavamo percorrendo. Ora il messaggio è chiaro e il virus è stato decisivo nel fermarci e darci tutto il tempo necessario per metterci davanti allo specchio e riflettere, guardarci dentro…e farci qualche domanda.

Lo hanno dimostrato nel mondo del lavoro: le aziende più resilienti e pronte ad un cambiamento, si sono reinventate convertendo le vecchie produzioni a quello che ora è necessario, come mascherine, valvole per respiratori, camici, etc.

I satelliti NASA ci hanno mandato un paio di cartoline dallo spazio, facendoci vedere che se stiamo fermi, possiamo evitare di soffocare nei nostri gas di scarico.

Ovviamente è impensabile l’immobilità, ma covid-19 e NASA, un piccolo suggerimento ce lo hanno dato.

Per non parlare poi della dimostrazione pratica di cosa è necessario e cosa no (anche qui si potrebbe scrivere una rubrica a parte).

Potrebbe piacerti anche questo articolo sulla Vita semplice

Conclusioni

Insomma, ancora una volta, sta a noi cogliere o meno un insegnamento. Interpretare come limite o possibilità, una nuova situazione.

Io penso che sia decisamente più utile e costruttivo vedere le nuove possibilità che ci sta offrendo questo modo di vivere, imposto, sì, ma come altro poteva fare il Pianeta?

Resilienza? Sempre e necessaria!

RISPETTA LA VITA, RISPETTA LA NATURA

Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di aiutarmi, mettendo un like e condividendolo? E se ti va, la scia un commento qui sotto. GRAZIE 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read more:
Mantenere l’ umanità – ecco come fare

Ricordarsi dell' umanità come parola, come sentimento, come bisogno nel 2016. Ecco come fare per mantenerla.

Close